Che cosa è la meditazione e come si fa a meditare?

Che cosa è la meditazione e come si fa a meditare? Me lo hanno chiesto in tanti e continuano a chiedermelo. Cosi ho deciso di risparmiare tempo e forze!

Lo dico a tutti qui, affinché tutti lo sappiano. Basta, non tengo più niente per me! Ogni segreto della meditazione sarà svelato qui e adesso :).

Se mi segui ormai avrai già capito ormai già da un pezzo che la meditazione è di un’importanza enorme per il nostro benessere e la nostra vitalità quotidiana, ed è per questo che spesso e volentieri ne parlo e la sottolineo.

Che cosa è la meditazione quindi?

E di che sto parlando? Di meditazione ovvio, l’ho appena detto! 🙂

Bene a parte gli scherzi entriamo nel vivo. Ho voluto iniziare cosi, in maniera un po spiritosa perché la meditazione è anche questo, non prendersi troppo sul serio! Inizio quindi a dirti subito cosa non è la meditazione.

Non è isolamento, non è solo per eremiti o per persone che scelgono di ritirarsi dalla società. Al contrario, è molto più utile e porta maggiori benefici a chi ogni giorno vive nella società, circondato da tensioni e stress di ogni genere.

Non è prendersi sul serio. E una cosa seria grazie ai benefici che ci da, ma non è una cosa rigida o dogmica, che segue uno certo schema tipo:

Prima ti siedi, poi chiudi gli occhi, poi svuoti i pensieri e dopo 5 minuti inizi a vedere i Budda.

Appena stringi la mano con loro inizi a fluttuare nell’aria e se a quel punto qualcuno viene a disturbarti cadi e ti fai male :D.

No, non è cosi.. Anzi, nel momento in cui ti siedi i pensieri non spariscono ma si agglomerano tutti nello stesso momento nella tua testa, apparentemente, impedendoti di meditare.

Lo vuoi sapere il segreto invece? Tutto questo è normale parte della meditazione!

Tutto questo succede solo perché di solito sei sempre distratto e non ti ascolti mai. E quindi quando finalmente ti siedi 15.. 30 minuti in silenzio e inizi ad ascoltare te stesso, tutti i pensieri si agglomerano nella tua testa come l’acqua nel collo di una bottiglia messa a rovescio.

E’ una cosa normalissima ed è segno che stai facendo i primi passi nella meditazione.

La meditazione è coscienza, la meditazione è consapevolezza. La meditazione non è distaccarsi, il contrario. E’ entrare in contato con il nostro essere, è collegarsi al presente e osservar scorrere tutto intorno a te, senza farti influenzare emotivamente.

Apparentemente non succede niente e forse la cosa ti irrita anche. Ma solo apparentemente perché nella tua mente in realtà stai già iniziando a costruire il sentiero di una buona abitudine ricca di benefici, e di questo, se sei collegato ad una macchina che rileva le onde cerebrali te ne poi accorgere subito, appena dopo averti preso 30 minuti per te stesso, per meditare.

Se invece, come la maggior parte di noi, non hai un tale apparecchio a portata di mano, i benefici li vedrai in seguito quando il sentiero sarà più solido. Ma li vedrai.

Quali sono i benefici?

I benefici sono veramente tanti e in tanti ambiti della tua vita, tanti che molto probabilmente non riuscirò a inserirli tutti qui! Sono benefici come:

Meno stress, meno scatti di rabbia, migliore gestione delle nostre emozioni, meno fissazioni, meno attaccamento alle cose e alle persone, maggiore capacità concentramento, meno manie di controllo.

E non guardarti intorno quando leggi quest’ultima frase, come se non fosse un tuo problema. Tutti, grazie alla società in cui viviamo abbiamo imparato a fissarci sulle cose, a voler controllare tutto, anche cose che spesso non dipendono da noi e dalle nostre forze.

Con la meditazione questi fastidi verranno gradualmente sempre più guariti.

Abbiamo benefici emotivi quindi, poi, altri benefici? Altri benefici sono:

maggiore Forza, Vitalità, Longevità, Resistenza al dolore e alle malattie, migliore sonno, migliore respiro, maggiore felicità, e questo può essere provato anche scientificamente in quanto, mentre meditiamo rilasciamo proprio delle sostanze chimiche, degli ormoni nel nostro corpo che influiscono sul nostro umore. Bene, ovviamente la lista dei benefici è ben più lunga ma per adesso mi fermo qui, andiamo a vedere..

Come si medita?

Quello che scoprirai adesso, attraverso le mie parole è cosa deve fare una persona la prima volta che ha deciso di meditare. Come ti devi atteggiare alla meditazione se sei un principiante. Vediamo prima di tutto cosa non devi fare.

Quello che non devi fare è sforzarti. Sappi che il semplice sederti in pace, in un posto tranquillo per 30 minuti è meditare è l’inizio del cammino che in seguito ti porterà anche a cose più sorprendenti e esperienze trascendentali. Un cammino che volendo ti porterà a sentire la pace a vedere la luce i colori a sentire i Buddha e cosi via.

Ma per adesso questi sono i primi gradini dove stai preparando la tua mente. Quindi quello che devi fare adesso è ritagliarti nella tua giornata del tempo per te stesso. Devi sederti semplicemente e meditare , farlo e basta! Prendi un impegno giornaliero in base ai tuoi tempi. Che sia al mattino, che sia dopo pranzo, che sia la sera. Non ha importanza. L’importante è ritagliarsi quei minuti e ritagliarli in un momento preciso della giornata in modo da creare una specie di rituale giornaliero, un’ abitudine!

Se riesci a fare questo vedrai trasformate magicamente la tua mente, automaticamente e senza sforzo! Serve solo un po di giusta organizzazione, un po di disciplina. Inizialmente la meditazione non è altro che un’educazione meccanica della nostra mente. La costruzione e il consolidamento di un sentiero.

Se ti aspetti subito qualcosa di straordinario dalla meditazione stai solo prendendo in giro te stesso. Non si diventa medici in un giorno, non si diventa fabbri o panettieri in un giorno. Questo è abbastanza evidente e logico. La meditazione è un atto ripetuto, costante, regolare, paziente, umile!

E’ un addestramento alla pazienza che ci permette di smettere di farci controllare da desideri spesso inutili, come ad esempio quello di cui parlavo prima, il desiderio di controllare:

Voglio questa cosa, la voglio adesso, la voglio cotta, la voglio cruda, bianca, nera ecc.

Queste cose, questi pensieri non ci fanno più innervosire, non ci controllano, non ci deprimono, non intasano più la nostra mente quando permettiamo alla meditazione di entrare nella nostra vita.

La vita è fatta di problemi, ostacoli e difficoltà, ogni giorno tutti i giorni, che siano problemi piccoli o grandi. Ma non è questo a farci soffrire, questo ci fa crescere.

Quello che ci fa soffrire è il modo in cui interpretiamo questi problemi, il desiderio di controllarli a nostro piacimento secondo le nostre regole (che spesso cambiano continuamente), la confusione e la paura.

Come si fa nella pratica?

Nella pratica è molto semplice. Siediti in un luogo tranquillo, non per forza un luogo silenzioso, l’importante è che sia un posto dove nessuno può disturbarti.

Rilassati e lascia scorrere i tuoi pensieri, accettali, accetta i rumori che ti circondano, ascolta e accetta tutto cosi com’è. Sii presente! Accogli tutti i tuoi pensieri, anche quelli inutili accettali poi lasciali andare. Sono solo pensieri.

Al cervello non piace essere inattivo quindi ti verranno in mente delle cose da fare. Anche in questo caso riconosci i tuoi pensieri, accettali e lasciali per dopo (se sono cose importanti puoi anche scriverle su un foglio e poi tornarci appena hai finito).

Sembra facile vero? Beh non lo è inizialmente, ma pian piano lo sarà sempre di più e pian piano vedrai sempre più benefici!

Come sempre ti ricordo di condividere questo articolo con tutti quelli a qui pensi possa essere utile. Puoi anche lasciarmi un commento se vuoi, mi fa sempre piacere sapere come la pensi! 🙂

– George Luis


Potrebbe interessarti anche...